lisa2

Volontariato Europeo – Lisa in Germania (Köln)

  • Nome ▷ Lisa
  • Destinazione ▷ Köln – Germania
  • Durata progetto ▷ 15 gennaio 2020- 6 mesi

Ciao, sono Lisa, ho 19 anni e vengo da Trento.

 

Dopo la maturità al liceo linguistico ho deciso di prendermi del tempo per me, per riflettere sul mio futuro. Avevo molta voglia di fare esperienze al di fuori dall’ambito scolastico per aggiungere qualche “tassello” particolare alla mia storia. Quindi questo progetto occupa un posto speciale nel mio percorso di crescita personale.

 

Dopo 5 anni di studio intensivo e teorico, avevo proprio bisogno di svolgere attività pratiche e avevo moltissima voglia di trascorrere un periodo all’estero possibilmente in Germania o Spagna, in modo da poter perfezionare il tedesco o lo spagnolo.

Non vedevo l’ora di poter dare un contributo concreto, facendo in modo che la mia presenza presso un’organizzazione impegnata a livello locale potesse risultare preziosa.

 

Ora sono qui a Köln da due mesi e mezzo, mi trovo benissimo e sto imparando tantissime cose nuove, anche su di me. Sono immensamente grata per questa opportunità e per le persone che sto conoscendo. A “transfer” c’è proprio un’atmosfera speciale e mi sono sentita  molto bene sin dall’inizio. È un ambiente creativo, propositivo e pieno di stimoli, dove tutti sono gentili e disponibili.  Che dire… questo progetto sta davvero superando le mie aspettative.

▷ Puoi spiegare cosa stai facendo nel tuo progetto?

Potrà sembrare strano, ma premetto che non è per niente facile spiegare in italiano di cosa si occupa la mia organizzazione, soprattutto perchè non credo che in Italia esista una realtà simile.

transfer e.V. ” è un’organizzazione no-profit che coordina molti progetti in ambitodelle iniziative per i giovani e i bambini. Transfer offre opportunità di consulenza, formazione e networking per personale qualificato e altre organizzazioni che lavorano in ambito sociale, educativo-pedagogico.

In ufficio ci occupiamo di project management, organizzazione di eventi e di iniziative sia a livello locale e regionale sia con partner internazionali. Il contatto diretto con bambini e giovani quindi non fa parte della routine, ma nel mio caso ho avuto la possibilità di integrarlo.lisa1

Infatti affianco due colleghe in un progetto di orientamento e self empowerment per ragazzine con minori opportunità. Inoltre aiuto ad organizzare una formazione come animatori durante i camp estivi e nei centri giovanili dedicata a giovani immigrati. Mi occupo della gestione delle iscrizioni (modulo online, raccolta dei dati personali, email,…) e sarò responsabile della documentazione dell’evento, che purtroppo è stato posticipato a causa del Coronavirus.

In questi primi mesi ho letto molto materiale, ho partecipato alle riunioni con tutto il team e a quelle con i colleghi referenti dei singoli progetti. Ho anche partecipato a molti eventi, tra cui due formazioni per educatori, una legata alle attività nei camp estivi e una legata ad un progetto sulla salute e la prevenzione coordinato da transfer.

La missione di transfer consiste nel promuovere un percorso di crescita  consapevole, cercando, attraverso le proprie proposte, di ridurre le disuguaglianze sociali strutturali.

Senza dubbio l’aspetto della solidarietà è molto presente nel mio progetto e temi come inclusione, consapevolezza della diversità, educazione (formale e non formale) sono dei punti chiave nel nostro lavoro.

Le cose da fare per integrarsi velocemente sul posto?

  • Girare la città a piedi (è la mia occupazione principale durante il tempo libero)
  • Fermarsi a parlare con i commessi dei negozi. Queste piccole conversazioni mettono davvero di buon umore.
  • Iniziare a seguire pagine web e account sui social network per tenersi aggiornati su vari eventi e per trovare suggerimenti (bar, ristoranti, locali, musei, attività sportive, idee per quando piove, workshops, ecc..). È l’ideale per chi ci tiene a conoscere la cultura e le abitudini locali senza limitarsi alle attrazioni turistiche più conosciute.https://koeln.mitvergnuegen.com è in assoluto il mio preferito, perchè danno consigli aggiornati ogni weekend e c’è la stessa versione anche per altre cittàhttps://rausgegangen.de e la versione aggiornata per il periodo Coronavirus https://dringeblieben.de

 ▷ Le cose da NON fare invece?

NON fare l’errore di pensare di avere tanto tempo per visitare la città e rimandare (nel mio caso pensavo di fare un sacco di cose in primavera oppure quando sarebbero venuti a trovarmi la mia famiglia e i miei amici e invece poi si è fermato tutto a causa del Coronavirus).

 ▷ Cosa racconteresti di tipico della mentalità/abitudini del posto?

Il sentimento di appartenenza a Köln la “Stadt mit K” è molto presente. Senza dubbio i 3 pilastri di questa forma di patriottismo sono :

🎉 Il carnevale, che inizia ufficialmente l’11 novembre (sì, avete letto bene, intendo

lisa4

proprio novembre) e si conclude con il mercoledì delle ceneri. Ciò significa che in questi mesi è normalissimo vedere gente che gira truccata e travestita. Così l’atmosfera è decisamente più allegra! Il momento-clu inizia con giovedì grasso e si fa festa per una settimana intera.

🍻 Kölsch la birra tipica di Colonia

💬 Kölsch il dialetto locale (ho imparato che “Veedel” significa Viertel ovvero il quartiere)

 ▷ l’ Esperienza di volontariato europeo al tempo del COVID – 19 🦠 ?

Allora, prima tutto mi considero molto fortunata a poter continuare il mio progetto qui in Germania, nonostante tutto la diffusione del Coronavirus.

Ora sono in Home Office (puoi vedere la mia postazione nella foto) da quasi 20 lisa3giorni e le attività di cui mi occupo sono leggermente cambiate. Visto che per ora tutti gli eventi in programma sono stati messi in pausa o positicipati, a transfer si sono subito dati da fare per trovare delle valide alternative su come impiegare questo tempo e per vedere questa situazione come un’opportunità per dedicarci a quelle cose che possiamo svolgere anche da casa.

Io, per esempio,  ho iniziato una formazione online sull’educazione allo sviluppo sostenibile e sono entusiasta, perché è un tema di cui mi interesso moltissimo e che vorrei approfondire durante gli studi universitari.

Poi aiuto alcune colleghe a sviluppare una nuova strategia per pubblicizzare transfer anche attraverso i social.

Inoltre sto leggendo del materiale sul volontariato europeo in generale e ho anche iniziato un corso online sul tema competenze organizzative, sociali e comunicazione.youthreporter

▷ YouthReporter:

Infine ci sono tantissime possibilità di raccontare la propria esperienza di Volontariato Europeo scrivendo articoli di blog proprio come questo, condividendo le proprie impressioni sul sito https://www.youthreporter.eu/de/ (dove ci sono dei contest interessanti) oppure realizzando un video.

Se stai leggendo questo articolo e hai qualche domanda, non farti problemi a contattarmi☺️

Intanto un caro saluto da Köln, dove il sole tramonta piano piano tra le imponenti guglie del duomo.

Lisa