Alison 1

Soli di Murcia: l’esperienza di Alison

  • Nome ▷ Alison
  • Destinazione ▷ Murcia – Spagna
  • Durata progetto ▷ 10 mesi

SOLI DI MURCIA: LA MIA ESPERIENZA SVE

Osservo il sole di carta appeso in camera: una faccina gialla e sorridente da cui cadono fili di lana colorata, come un arcobaleno; mi ricorda i sorrisi delle persone che ho incontrato in questi ultimi dieci mesi …..

Alison 1

sorrisi che ripercorrono la mia esperienza in FADE, dove ho avuto la possibilità di mettermi alla prova in differenti situazioni, in cui la differenza la facevano le persone:

  • quello di Leyre appena vedeva i fiori adesivi di color viola, una bambina ricoverata in ospedale per molte settimane;
  • quello di Emmanuel, che durante le ore di dopo-scuola si metteva a disegnare personaggi fantastici;
  • quello di Melanie, una donna che in un corso di formazione sul lavoro iniziò a parlarmi e a trattarmi come se fossi sua figlia;
  • quello di Beatriz, una signora di una casa di riposo che, come una nonna, mi abbracciava sempre;
  • quello di Antonio, il belloccio di una residenza di anziani, sempre pronto con una battuta;
  • quello di Ana Pilar, un’altra volontaria che mette l’anima nel suo servizio;
  • e quello di Cintia, una volontaria con due occhi guizzanti di vita.

▷  Ecco quello che ho fatto durante i 10 mesi trascorsi alla Fundacion FADE:

Ho collaborato soprattutto in due tipi di servizi: uno nell’ospedale de “la Arrixaca”, dove creavo manualità come il sole di carta con i bambini ricoverati; uno nella casa di riposo “Siervas de Jesús”, dove realizzavo visite virtuali a città della Spagna e dell’Italia, le mie due case.

Inoltre, ho potuto partecipare ad altre attività, come la promozione e la gestione dei volontari in ufficio, la formazione online “Talente Solidario” e gli originali eventi di FADE, tra cui la Giornata dell’Acqua e il Giorno della Famiglia.

 

Alison 2

 

In questo modo, ho potuto conoscere la città e altre associazioni, partecipare ad eventi, scoprire amicizie ed amori, migliorare competenze personali e sociali. Infatti, ho imparato che, anche se ci sentiamo soli, c’è sempre qualcuno vicino a guidarci, che ogni idea e ogni problema può essere visto da un punto di vista differente e innovatore, che tutti abbiamo bisogno di umanità.

A Murcia – dove la gente dice che “non piove, fa due gocce!” – ho assorbito il calore del clima, delle persone, e per loro ho dipinto “cieli azzurri” e ho ritagliato “soli”.