x17629845_10154612390933931_956393090445426708_n

SVE – Angelica a Dublino, Irlanda

xIMG_8126

  • Nome ▷ Angelica
  • Destinazione ▷ Dublino, Irlanda
  • Durata progetto ▷ Maggio 2016 – 11 mesi

“Il mio progetto si svolge in Irlanda, a Dublino, presso l’associazione Peter McVerry Trust, un’associazione che si occupa di inclusione sociale e tossicodipendenza, per giovani, famiglie, donne e uomini di tutte le età. Ho sperimentato diversi tipi di lavori, tra cui un servizio diurno dove gli utenti trovano un primo supporto, ho lavorato con giovani tirocinanti nella nostra associazione e in un ufficio dove aiutavamo persone bisognose a trovare e mantenere una casa.”

Cosa ti è piaciuto di questa città?
Di Dublino mi piace il fatto che sia multiculturale, che come in ogni grande città si possa trovare tutto ciò di cui hai bisogno. Mi piace la cultura dei pub, ce ne sono di tutti i tipi e offrono eventi più disparati. I pub hanno la funzione di “luoghi di aggregazione”, non sono solo semplici posti in cui bere: entrando puoi trovare persone che suonano, o incontrare il signore anziano che si siede sempre sullo stesso sgabello.

Cosa non ti è piaciuto invece?
Dublino è molto cara, il traffico è pesante  e i mezzi pubblici non sono sempre efficienti. La città, secondo me, non è esteticamente bella e non ha un centro ben preciso.
Com’è il clima? 
Non piove tanto quanto immaginavo, ma il tempo può cambiare nel giro di pochi minuti. In generale è raro vedere il cielo azzurro. D’inverno non fa più freddo che in Italia, l’estate è da immaginare come una nostra primavera fresca.
Quali sono i mezzi più comodi per spostarsi?
La bicicletta. Gli autobus sono costosi e paghi un nuovo  biglietto per ogni corsa.

xIMG_8176Cosa ritieni sia importante sapere della cultura/abitudini del posto?
Gli irlandesi sono estremamente gentili, molto socievoli e simpatici, e durante il weekend riescono a bere quantitativi di birra inimmaginabili. In generale mantengono una distanza fisica maggiore rispetto a noi italiani e ho notato che sono interessati alla cultura italiana e a quella dei paesi latini in generale. Un’abitudine del posto che ho fatto fatica ad accettare è il modo in cui si vive la città: complice un clima diverso e la presenza dei pub, non c’è una piazza come luogo di aggregazione, e non è solito passeggiare per la città senza una meta precisa.


Cose da fare per integrarsi velocemente sul posto?
 Praticare un hobby, preferibilmente sociale come il teatro, il ballo, la musica e  parlare con le persone durante concerti e serate nei pub. Io ballo e ho avuto la  fortuna di incontrare tantissime persone e buoni amici tramite questa  passione.
Cose da non fare?
Non farsi intimidire dalla pioggia e non parlare con le persone nei pub.

 

Tre locali carini?

  •  The Cobblestone, pub veramente tradizionale, non frequentato dai turisti, dove è possibile trovare musicisti che si ritrovano e suonano insieme musica irlandese. Si definiscono così: “a drinking pub with music problems”.
  • The Bernard Shaw, un pub alternativo con graffiti, un vecchio bus parcheggiato in giardino dentro il quale fanno buone pizze, con bella musica e frequentato da giovani.
  • The Grand Social, un pub con una sala grandissima per concerti di tutti i tipi, un mercatino dell’usato e eventi.
Tre luoghi da non perdere?

Altre città da visitare assolutamente nel paese?
Galway, Cork, Belfast. Ma in generale in Irlanda consiglierei di visitare luoghi naturali.

xIMG_9861